Puls

farro-puls-farricello

Puls

5,50 (11,00 €/Kg)

Peso indicativo 0,50 Kg

Farinata di farro per polenta

Vedi sotto per la ricetta della Puls

9 disponibili

Puls: sostantivo femminile – terza declinazione puls pultis.

Al tempo dei romani c’era il bisogno di preparare pasti ogni giorno per migliaia di uomini sotto sforzo fisico che non dovevano necessariamente essere eccessivamente debilitati fisicamente…. Come facevano?Senza tanti discorsi si può provare l’ebrezza della risposta “puls”: ” polenta, farinata di grano o di farro, alimento base dei Romani più antichi, poi solo dei poveri” questo nel vocabolario Italiano- latino.

Così probabilmente i nostri antenati iniziarono a cibarsi dei cereali, attraverso questo polentine che costituivano al base dell’alimentazione.

Sicuramente il farro, pianta spontanea delle nostre terre meridionali, parca e resistente, abituata a sopportare siccità, terreni duri e aspri è stato il primo incontro degli antichi con i cereali. Il farro, ridotto in farina, è stata anche l’arma segnera delle legioni romane. La capacità di resistenza fisica dei soldati era dovuta proprio all’alimentazione, ma anche la velocità di spostamento delle legioni aveva a che fare con la polenta di farro. Provate a pensare alla quantità di vettovaglie si doveva portare dietro un esercito in movimento… carri e carri di cibo, difficoltà di conservazione delle derrate alimentari.

Ricetta:

Prendete una pentola, riempitela di due litri e mezzo o anche tre di acqua, mettete un po’ di sale e portate ad ebollizione. Appena bolle buttate il contenuto di una confezione di puls e cuocete per 5 minuti. Tutto fatto. Ne viene fuori una quantità di polenta ricca di proteine e carboidrati dal sapore delicato e gradevole.

Ottimo con carne e pesce, ma anche con frittate e con verdure al tegame..

spiga

Dal blog

Back to Top

Non hai mai ordinato? Donna Gnora ti fa lo sconto sulle prime 2 cassette.