tarassaco

in questi giorni abbiamo anche il tarassaco ( http://www.erboristeriadulcamara.com/tarassaco.htm) che è una pianta che nasce spontanea nei campi e che in primavera viene raccolta per essere utilizzata in risotti, frittate, ma soprattutto può essere fatta lessa o saltata con olio cipolla.

Oppure, come suggerisce Giannina, viene cotta con un soffritto di cipolla, pancetta e burro ( questo è in modo classico della nostra cucina contadina… che avrà anche i suoi difetti quanto a leggerezza e digeribilità, ma quando si tratta di darci dentro non scherza!)

Forse il tarassaco non piace a tutti per quel sapore amarognolo…. ma ha tante di quelle virtù, che un piccolo sacrificio vale sicuramente la pena…. Piccolo sacrificio… ma quando mai… a me piace moltissimo…  Affettato sottile e scaltrito in padella con olio extra vergine e aglio e poi mangiato con ricotta o uova sode.

Pulirlo è lungo e fastidioso e per farne un kilo si lavora non poco….

lo forniamo in versione “pulita” a euro 5 al kg o “nature” a euro 2 al kg….

la versione “pulita” va solo lavata…